Privacy Policy

1. Ho una laurea triennale. Posso diventare CRA?

Secondo le ultime indicazioni rilasciate dall’AIFA, per poter diventare CRA è necessario avere una laurea magistrale in “Scienze della Vita” (per esempio Farmacia, CTF, Biologia, Biotecnologie, ecc.). Tuttavia, se possiedi una laurea triennale puoi comunque accedere ad altri ruoli professionali nel settore della ricerca clinica. Se vuoi conoscerli, ti invito a seguire il videocorso gratuito “Gli sbocchi professionali del Missione CRA”.

2. Al termine del corso mi sarà rilasciato un certificato di partecipazione?

Al termine del corso ti sarà rilasciato un certificato che attesta le ore di formazione e gli argomenti trattati, conformi a quanto richiesto dal DM 15.11.2011. Inoltre, il certificato è rilasciato in lingua inglese in modo che tu possa utilizzarlo sul territorio nazionale ed internazionale. La peculiarità di questo certificato è che viene rilasciato da due CRO italiane, Yghea e ClinOpsHub.

3. Oltre al ruolo del CRA, a quali altri ruoli professionali posso aspirare dopo aver frequentato il corso?

Durante il corso scoprirai che esistono decine di altri ruoli interessanti per entry level. Potrai lavorare all’interno di aziende farmaceutiche, CRO, centri sperimentali, Comitati Etici, fornitori di servizi per la ricerca clinica, associazioni e fondazioni no profit. All’interno di queste realtà ci sono numerosi ruoli a cui puoi aspirare. Per saperne di più, ti invito a seguire il videocorso gratuito “Gli sbocchi professionali del Missione CRA”.

4. Il corso prevede anche le visite in affiancamento ad un CRA esperto?

Il corso non prevede le visite in affiancamento. Tuttavia, quello che interessa alle aziende è assumere una persona formata e motivata ad intraprendere una carriera in questo settore. Una volta assunto, sarà l’azienda ad affiancarti ad un CRA esperto per ottenere le 10 visite. Per saperne di più, ti invito a leggere questo articolo in cui ne parlo in maniera approfondita. 

5. C’è un limite di età per poter intraprendere una carriera in ricerca clinica?

Non c’è un limite di età. Ci sono stati corsisti over 40 che, stanchi della loro situazione lavorativa, hanno deciso di frequentare il corso Missione CRA per intraprendere un nuovo percorso. Quello che occorre è la volontà di rimettersi in gioco e una forte motivazione per ricominciare. 

6. Che tipo di supporto riceverò dopo aver frequentato il corso?

Al termine del corso, sarai inserito all’interno di un canale Telegram riservato ai corsisti del Missione CRA, dove pubblico offerte di lavoro esclusive per entry level e per chi ha già qualche anno di esperienza, consigli su come trovare lavoro e su come affrontare i colloqui. 

7. Perchè frequentare il corso mi renderebbe più competitivo rispetto ad altri?

Il programma del corso, oltre a prevedere gli argomenti previsti dal DM 15.11.2011, prevede delle sessioni di coaching incentrate sulla ricerca del lavoro in questo settore. In particolare, è prevista la revisione del curriculum vitae per renderlo più appetibile agli occhi di un recruiter, la revisione della motivational letter e consigli motivazionali su come muoversi dopo aver terminato il corso. 

8. Se ho un dottorato di ricerca ho più o meno possibilità di intraprendere una carriera nella ricerca clinica?

Salvo che tu non abbia conseguito un dottorato in ricerca clinica, l’aver conseguito un dottorato non fa differenza nell’avviare una carriera nel settore della ricerca clinica. Per saperne di più, ti invito a leggere questo articolo in cui ne parlo in maniera approfondita. 

9. A che tipo di contratto posso aspirare se lavoro in ricerca clinica?

In genere le aziende prevedono l’assunzione con contratto a tempo indeterminato, a volte preceduta da un periodo di stage. Per lavorare nei centri sperimentali, in genere i contratti prevedono borse di studio, assegni di ricerca e talvolta anche la Partita IVA. 

10. Il corso prevede solo lezioni teoriche o anche esercitazioni pratiche?

Il corso prevede sia lezioni teoriche che esercitazioni pratiche, durante le quali potrai toccare con mano alcuni documenti della ricerca clinica e svolgere simulazioni di attività che il CRA compie durante le visite di monitoraggio.

11. Mi devo ancora laureare. Posso frequentare ugualmente il corso?

Secondo le ultime indicazioni rilasciate dall’AIFA, per poter diventare CRA è necessario avere una laurea magistrale in “Scienze della Vita” (per esempio Farmacia, CTF, Biologia, Biotecnologie, ecc.). Tuttavia, ti consiglio di partecipare al corso se sei prossimo alla laurea (massimo 6 mesi dalla fine del corso), in modo che inizi da subito ad acquisire la formazione necessaria e ad orientarti su come muoverti ancor prima di laurearti. 

12. Dopo il corso è previsto un tirocinio?

Dopo il corso non è previsto un tirocinio. Tuttavia al termine del corso, sarai inserito all’interno di un canale Telegram riservato ai corsisti del Missione CRA, dove pubblico offerte di lavoro esclusive per entry level e per chi ha già qualche anno di esperienza, consigli su come trovare lavoro e su come affrontare i colloqui. Per darti un’idea nel 2019 ho pubblicato in tutto 130 posizioni! Pertanto avrai tutti gli strumenti per entrare nel mondo della ricerca clinica.

13. Che differenza c’è tra il “Missione CRA” e un master in Ricerca Clinica?

Il Missione CRA è un corso di alta formazione in ricerca clinica, al termine del quale riceverai un certificato che attesta le ore di formazione e gli argomenti trattati, conformi a quanto richiesto dal DM 15.11.2011.
Inoltre secondo il DM del 15.11.2011 per diventare CRA bisogna svolgere 4 mesi di attività in ricerca clinica o possedere un master. Pertanto, il master può sostituire i 4 mesi di attività richiesti.
Di contro il master richiede un investimento di tempo e risorse maggiori rispetto al corso e i temi trattati non si focalizzano soltanto sulla ricerca clinica. Inoltre, non è detto che il master ti garantisca un tirocinio.
Quindi se vuoi raggiungere prima l’obiettivo di comprendere il mondo della ricerca clinica e avere i principali strumenti per entrarci, io farò di tutto per farti fare la differenza.